Südtiroler Landesmuseum für Volkskunde

Deutsch | English

Collezione

Il Museo provinciale degli usi e costumi raccoglie fin dalla sua fondazione nel 1976 oggetti di canone popolare con riferimento al Tirolo, nel senso di una presentazione completa al museo e per adempiere all'incarico scientifico di raccogliere, documentare conservare ed esporre.
Quando nel 1982 il Museo provinciale del vino è stato ammesso al Museo degli usi e costumi la collezione si è arricchita del patrimonio del Museo del vino. Un ulteriore ampliamento della collezione si è avuta nel 1991 con l'istituzione di una seconda sede distaccata con il Museo provinciale della caccia della pesca al castello di Wolfsthurn.
Nel patrimonio del museo fanno parte inoltre due collezioni fotografiche (collezione Hugo Atzwanger e collezione Erika Groth-Schmachtenberger) nonché una biblioteca specialistica.

Ambiti e settori chiave

La collezione

... comprende oggetti d'arte popolare e di uso quotidiano, oggetti ergologici, oggetti riferiti ad occasioni ed usanze particolari anlassbedingte und brauchgebundene Gegenstände;

... comprende il periodo della società preindustriale a partire dal XVII secolo fino ai giorni nostri, con particolare attenzione al periodo fra il 1850 e il 1950;

... rispecchia gli interessi e gli sviluppi dell'etnologia e adempie al compito di un museo etnologico e all'aperto con oggetti provenienti soprattutto dalla cultura contadina nei settori della religiosità (popolare), della medicina (popolare), dell'arte popolare, dell'abbigliamento e dei prodotti tessili, del artigianato e degli attrezzi, dei mobili e delle suppellettili, delle fotografie storiche, dei documenti d'archivio, della viticoltura, della caccia e la pesca, degli strumenti musicali.

Collezione arte popolare